Questo articolo è stato letto891volte!

Giunge dal Veneto un ottimo esempio di azione sindacale dove la nostra O.S. è stata protagonista, insieme ai lavoratori, in particolare della D.P. di Verona, nell’ottenere un risultato soddisfacente in merito alla corretta interpretazione della disciplina del trattamento di trasferta, in sede di verifica esterna, e di riconoscimento del “tempo viaggio”.

Nel mese di novembre, con uno specifico ordine di servizio, era stata adottata dall’Amministrazione un’interpretazione illegittima dell’istituto previsto dall’art. 94 del CCNL, peraltro già applicata nei mesi precedenti anche in altre Direzioni Provinciali del Veneto.

Il risultato positivo, che ha portato al ripristino della corretta interpretazione, è stato ottenuto grazie soprattutto alla compatta partecipazione dei colleghi che hanno aderito allo stato di agitazione proclamato tempestivamente dalla nostra O.S. e alla iniziativa: “indisponibilità dei lavoratori all’utilizzo del mezzo privato”.

L’azione di protesta, accompagnata da adeguati interventi sindacali svolti a livello regionale e nazionale, ha soddisfatto gran parte delle richieste dei colleghi di Verona e ha fatto si che l’interpretazione positiva fosse estesa a tutta la regione.

E’ importante che il Sindacato sappia mettere in campo le azioni necessarie per dare risposte concrete ed in tempi brevi al bisogno di tutela dei lavoratori e che sappia individuare e difendere l’interesse collettivo attraverso strumenti appropriati .

In tal senso i comunicati, in allegato, del nostro Coordinatore Regionale del Veneto.

Renato Cavallaro                      COMUNICATO_26_novembre                   COMUNICATO_VENETO_2_DICEMBRE

Torna in altoTorna in alto