Questo articolo è stato letto648volte!

È iniziato il confronto sulle posizioni organizzative ex-articoli 17 e 18 del CCNI ma, come scritto nel Comunicato Unitario del 29 ottobre, non abbiamo dimenticato le questioni relative ai diritti connessi con lo smart working né il fatto che, a distanza di quasi un anno dal raggiungimento degli obiettivi, non si ha nessuna notizia dei fondi che ci spettano come salario accessorio 2019.

Nel merito agli artt. 17 e 18 l’Agenzia ci ha presentato sempre lo stesso documento – con qualche leggera modifica – contenente le modalità di conferimento delle posizioni senza affrontare nessuno dei nodi organizzativi chiesti unitariamente ad aprile scorso.

Deve essere chiaro all’Agenzia che i problemi si affrontano nella loro complessità e nella loro interezza e che senza soldi per ristorare i lavoratori – che stanno dando l’anima e che saranno chiamati a un ulteriore sforzo per la liquidazione dei contributi a fondo perduto per il Covid – non si cantano messe e difficilmente si chiudono accordi sindacali.

In allegato il documento di sintesi dei temi affrontati.

Il Coordinamento Nazionale

Di Admin