Questo articolo è stato letto483volte!

Siamo stati costretti ad intervenire pesantemente a seguito di una nuova direttiva dell’Agenzia del 24 marzo u.s. che, sulla base di illegittimi presupposti, sembrava ambisse a definire i c.d. “servizi pubblici essenziali” quando essi sono tassativamente definiti per legge e che nessuna attività dell’Agenzia delle Entrate è mai stata individuata tale.

Da qui la replica con la conseguente diffida unitaria e i successivi chiarimenti ottenuti dall’Agenzia stessa che sembrerebbe ritornare sui suoi passi.

Alleghiamo:

Il Coordinamento Nazionale