Questo articolo è stato letto1895volte!

Si è tenuta, in 20 maggio u.s., il previsto incontro sindacale nazionale con l’Agenzia  avente per oggetto:

  • “Assistenza al contribuente per il 730 precompilato”.
  • “Bozza del nuovo Codice di Condotta dei dipendenti dell’Agenzia”.

Assistenza per il 730: L’Amministrazione ha esordito fornendo al tavolo i dati del primo periodo di operatività dei canali di assistenza e il dato numerico relativo agli invii del 730 precompilato sia tramite il canale Fiscoonline che tramite intermediari/CAF.

In previsione di un incremento di richieste di assistenza telefonica sul 730, con l’approssimarsi della scadenza, l’Amministrazione (rappresentata dal dott. Savini e dott.ssa Ribon della D.C. Servizi ai Contribuenti) ha richiesto, per il periodo dal 28/6 al 7/7 p.v., la disponibilità (su base volontaria) del personale dei CAM per poter svolgere lavoro straordinario dalle ore 17 alle ore 20 nei giorni lavorativi e dalle 9 alle 17 nei giorni di sabato, domenica o festivi.

Come UILPA abbiamo manifestato perplessità circa la possibilità di effettuare lavoro straordinario in aggiunta alle quattro ore di front-line telefonico (peraltro non previsto dagli accordi) nonché per le prestazioni di lavoro straordinario nei giorni festivi sebbene su base volontaria, con remunerazione come straordinario festivo e del turno e la conseguente giornata di riposo compensativo che consenta il recupero del lavoro domenicale/festivo. Tali problematiche, infatti, vanno ad impattare pesantemente sui carichi di lavoro già gravosi che andrebbero ad essere risolte con l’assegnazione di un maggior numero di personale (vedi ad esempio scorrimento della graduatoria a 220 assistenti per i CAM e i COP) e non con soluzioni “emergenziali”.

Forte critica, inoltre, abbiamo espresso per l’assenza da parte dell’Amministrazione di una pianificazione di tali esigenze. Abbiamo ricordato, infatti, come l’eventualità dell’apertura domenicale dei CAM per il 3 maggio u.s., fu presentata dall’Agenzia, nel corso della riunione sindacale del 22 aprile u.s., come “unica eccezione”. Oggi, diversamente, ha formulato ulteriore richiesta.

In tal senso abbiamo chiesto che si effettuino ulteriori incontri per una valutazione complessiva delle tematiche inerenti l’area “servizi ai contribuenti”, sia degli Uffici Territoriali sia dei CAM, ricevendo dall’Amministrazione un impegno che la questione verrà trattata a breve.

Bozza del nuovo Codice di Condotta dei dipendenti dell’Agenzia: L’incontro in merito al nuovo Codice di Condotta è stata l’occasione per affrontare tematiche di particolare importanza e delicatezza.

Sebbene ormai il Codice, da anni, non ha più, neanche in parte, fonte negoziale ma diversamente è predisposto dall’Amministrazione sulla base e sui vincoli posti dalle normative e direttive in materia, abbiamo ritenuto importante cogliere l’occasione della fase consultiva per proporre sostanziali modifiche.

Infatti, la bozza, per come impostata risente di quel clima di abnorme regolamentazione “disciplinare” di casistiche che spesso, per come scritte, esasperano le limitazioni dei diritti dei lavoratori e ne ampliano oltremodo i doveri esasperandone la ratio.

Ecco perché abbiamo prodotto, anche per iscritto (preventivamente trasmesse all’Agenzia) e argomentate diffusamente, numerose ed articolate proposte di modifica. In tal senso, l’Agenzia ha dichiarato di prevedere effettive modifiche sulla base di quanto da noi segnalato. Vedremo come e se effettivamente apporterà tali miglioramenti.

In considerazione, comunque, della complessità e delicatezza della tematiche, le OO.SS. hanno condiviso di proporre efficacemente modifiche prima che il Codice stesso venga definitivamente pubblicato.         Resoconto Incontro 20 maggio

Roma, 21 maggio 2015                                      Il Coordinamento Nazionale