Questo articolo è stato letto2639volte!

Nel corso della riunione del 22 aprile u.s., oltre alle importanti tematiche inerenti le Progressioni Economiche (sottoscrizione Verbale d’Intesa) e Fondo Produttività dei lavoratori (sottoscrizione degli accordi per anticipo salario accessorio anno 2014 sia per le Aree Professionali sia per l’Area della Dirigenza) sono state affrontate ulteriori tematiche e sottoscrizione di accordi, in particolare:

  1. Sottoscrizione, unitaria, del Protocollo d’Intesa relativo all’anticipo del 60% dell’indennità di Front Office nelle Direzioni Provinciali per l’anno 2015. Con tale accordo, evidenziamo, che, così come richiesto dalla UILPA nel corso dei precedenti anni 2013 e 2014, le parti si sono impegnate ad incontrarsi entro 10 giorni affinché analoghe previsioni possano essere estese agli Uffici Provinciali del Territorio. (In allegato: ACCORDO FRONT OFFICE ANTICIPO).
  2. Nel corso della riunione, abbiamo evidenziato al Direttore Centrale del Personale, che il Tar Lazio, con la sentenza n.5714/2015, nell’accogliere un ricorso della CGIL del settore “scuola”, ha annullato la Circ. n. 2/2014 della Funzione Pubblica che limitava la possibilità di assentarsi per effettuare terapie, visite, accertamenti diagnostici, ecc., all’utilizzo delle ore di permessi personali o ad altri istituti del CCNL, quali banca ore, ferie, ecc. ed escludeva, quindi, la precedente possibilità di far ricorso all’assenza per malattia. Sottolineando come le motivazione addotte dal giudice amministrativo sono, in pratica, identiche a quanto da noi, come UILPA, già perorato lo scorso anno con l’allegata nota all’Agenzia e al C.U.G. (che riteniamo abbia tenuto un atteggiamento assolutamente deludente per non essere mai intervenuto in materia….), è stata, quindi, rappresentata l’urgenza a che l’Agenzia provveda a dare disposizioni conseguenti a tutte le strutture, regionali e provinciali, affinché ogni impedimento creato dalla citata circolare venga rimosso. (In allegato: Sentenza_Tar_Lazio e nota UILPA_a_CUG_e_Direttore)
  3. Sempre nel corso della riunione, le OO.SS. hanno reiterato la richiesta di riprendere anche le trattative in materia di mobilità nazionale e stabilizzazione dei distaccati. L’Amministrazione ha fornito “rassicurazioni” in tal senso.

Il Coordinamento Nazionale