Questo articolo è stato letto1007volte!

Caro Babbo Natale ……

così iniziano tutte le letterine dei bambini in questi giorni di festività…..oggi vorrei scriverla anche io ma indirizzarla al Babbo Natale dell’Agenzia delle Entrate.

Caro Babbo Natale dell’Agenzia,

spero leggerai questa piccola letterina scritta da un povero dipendente che crede nella possibilità che molte cose possano essere cambiate.

Si lo so che devo ritenermi fortunato che un lavoro stabile ce l’ho ma sicuramente saprai che il mio stipendio tra ritenute, addizionali e tasse varie diminuisce ogni anno di più e che per molti colleghi questo risulta l’unico stipendio vista la situazione del nostro caro amato paese che è sempre più devastato da fallimenti di aziende e da licenziamenti.

Certo ( starai pensando) qualcosa nell’ultimo anno ho dato a tutti i lavoratori dell’Agenzia….ho aumentato il numero degli uffici chiusi e da chiudere…vi ho accorpato sotto una unica Agenzia…vi ho riempito di ordini di servizio senza contrattare nulla…vi ho aumentato i carichi di lavoro…vi ho dato da lavorare molto di più anche nel tempo libero visto che l’orario di lavoro non era sufficiente….!!!!

Se pensi queste cose caro Babbo Natale dell’Agenzia penso che dovrò rivolgermi a quello vero (in fondo questo dimostra che il Natale è l’unica cosa che in questo paese non si può sub appaltare!!) e chiedere per questo Natale non solo tanta serenità per tutti i lavoratori e le loro famiglie ma che qualcosa cambi nel cuore di tutti coloro che giocano con le vite degli altri … negli animi di coloro che si arricchiscono sempre più mandando a rotoli la vita degli altri.

Le cose che ci hai dato in questo ultimo anno, caro Babbo Natale dell’Agenzia, dimostra che il Babbo Natale non lo sai fare assolutamente…ti mancano le idee e la volontà di cambiare realmente le cose….ti ricordo che non ci si improvvisa organizzatore (il Babbo Natale vero sa far funzionare il tutto perché ascolta, legge le richieste, sa far lavorare in armonia i folletti gratificandoli)…sei solo facciata purtroppo…spero capirai che se non ti chiedo nulla è perché prima dovrai darmi dimostrazione di essere un vero Babbo Natale e non un orco sotto mentite spoglie.

Ti auguro di cambiare e di unirti a tutti noi lavoratori…di ascoltare le richieste e di lottare insieme per far tornare grande questo paese.

Auguri a voi tutti

Il Coordinatore UILPA Entrate di Roma

Fabio Pergoloni